VAILIXI – In uscita oggi il nuovo album “A Trip To Venus” – L’album è disponibile su tutte le piattaforme streaming e in digital download!

Esce oggi via B District Music (Bagana Edizioni Musicali) “A TRIP TO VENUS”, il nuovo album dei VAILIXI.

“A TRIP TO VENUS” racconta di un improbabile, bizzarro e intrigante viaggio nello spazio, tra stelle e pianeti, attraverso la maestosità dell’universo, a bordo di un opinabile camper, il buon caro vecchio “Beddy Il Camper”. Un viaggio che parte dalla terra e che arriva a Giove, passando per una serie di avventure decisamente inverosimili.

“‘A Trip to Venus’ è un vero e proprio concept album, tributo a tutto quello che ci ha accompagnato sin da ragazzini: il rock in tutte le sue forme e le grandi epopee degli anni Ottanta. Questo album rappresenta una scommessa, un po’ come un viaggio nello spazio… fare un disco al giorno d’oggi è un salto nel buio… proprio come cercare nuovi mondi!” commenta la band.

Due i singoli già estratti dal nuovo lavoro in studio della band: “Venus” e “Jupiter”. “Venus” esplora i temi delicati della eugenetica e dipinge una realtà distopica in cui, ai fini del miglioramento della specie, una selezione di ragazze, accomunate dall’avere un certo DNA e condizioni genetiche che soddisfano prescelti criteri di catalogazione, vengono rapite per ricercare e ricreare la combinazione perfetta. “Jupiter” racchiude l’avventura della band alle prese con una spinta gravitazionale a dir poco ingestibile.

“A TRIP TO VENUS” ha quindi un concept ben specifico: lo spazio. La band in ciascun brano parla scientificamente di ogni pianeta… a modo suo! Diverse chicche e curiosità reali molto interessanti vengono trattate accostandole ad accadimenti divertenti e ironici negli otto brani che compongono l’album. Ad esempio, sapevate che Mercurio è pieno di “rocks and heavy metal” ma non ha neppure un bar aperto dove rifocillarsi con una bella birra fresca? O che su Marte il povero Curiosity, il rover della Mars Science Laboratory, non è proprio felice del suo lavoro in solitaria?

I testi -commenta la band- sono interamente pensati e realizzati da Gianluca Bianco, il quale ha una passione per lo spazio e tutto quello che riguarda in qualche modo l’ignoto. Questi tendono a rifarsi a fatti realmente accaduti e ad informazioni scientifiche raccolte nei vari articoli pubblicati della NASA. Il tutto viene poi condito con una sana dose di ironia e un ricamo degno delle più grandi romanzate best seller!”

Un sound unico e travolgente quello proposto dai VAILIXI: strutture energiche e riff potenti si accostano a una voce graffiante generando uno stile solido e importante. Coraggiose e curiose sono le scelte in termini di strumentazione: i VAILIXI hanno volutamente escluso la presenza del basso, nonostante in line-up ci siano ben due bassisti di formazione.
Abbiamo rinunciato al basso – sia in studio che dal vivo – per amore di un sound più pieno e senza fronzoli delle chitarre, entrambe corazzate con un bel octaver!” precisa la band.

L’artwork dell’album è opera di Michele “Mike” Rodella: elementi inerenti al concetto di viaggio nello spazio vengono espressi attraverso tecniche glow tipiche degli anni Ottanta.

“A TRIP TO VENUS” è stato registrato, mixato e masterizzato da Gianluca Bianco (aka MrWhite) presso il Gypsy Studio’s di Verona tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020. I brani sono stati composti da Cristiano Tommasini e riarrangiati insieme da tutti i componenti della band, i testi sono opera di Gianluca Bianco.

La band commenta: “Siamo molto orgogliosi del risultato ottenuto dopo un paio d’anni di lavoro sui pezzi. Abbiamo rifinito per bene le composizioni create magistralmente da Cristiano, aggiungendo a nostro modo tutti qualcosa”.

Tracklist

  1. Earth
  2. Venus
  3. Pluto
  4. Uranus
  5. Mars
  6. Mercury
  7. Saturn
  8. Jupiter

I VAILIXI sono:
Cristiano Tommasini – chitarre
Gianluca Bianco – vocals
Matteo Chiarini – batteria
Andrea Veronesi – chitarre

 

https://www.facebook.com/vailixiband
https://www.instagram.com/vailixi_band/

 

 

BIOGRAFIA
I VAILIXI nascono nel 2018 da un’idea di Cristiano Tommasini, bassista e membro fondatore della metal core band “Sin Circus”. Alla ricerca di suoni più pesanti, Tommasini imbraccia la chitarra e sperimenta suoni nuovi. Nello stesso anno Gianluca Bianco (voci), Matteo Chiarini (batteria) e Andrea Veronesi (chitarre) entrano a far parte della band, definendo la line-up e dando una forma completa ai VAILIXI. Una formazione decisamente particolare visto che i due chitarristi sono, in realtà, due bassisti. La band prende il suo nome dalla mitologica macchina volante di Atlantide a forma di sigaro. Il sound dei VAILIXI è un mix di riff orecchiabili e melodie intriganti che viaggiano dallo stoner al metal, passando per l’alternative rock, con l’attitudine del groove anni Novanta. Dopo un anno, la band registra il suo primo lavoro in studio “A Trip to Venus” in uscita via B District Music il 20 novembre 2020. Il primo singolo “Venus” è uscito il 25 settembre 2020, il secondo singolo “Jupiter” è  uscito il 30 ottobre 2020.

IL VILE – Il nuovo EP “Orso” in uscita il 12 febbraio 2021

“ORSO” è il nuovo EP de IL VILE in uscita il prossimo 12 Febbraio 2021 per la nuova etichetta discografica B District Music (Bagana Edizioni Musicali).

“ORSO” racconta, attraverso i quattro brani che lo compongono, l’eterna e ancestrale lotta dei sentimenti a cui l’essere umano non può sottrarsi nel corso della sua esistenza. L’uomo viene chiamato a percorrere un cammino a tratti lontano dalla lucidità e dall’oggettività della realtà, mentre si creano attorno a esso scenari acidi dove ogni ombra, ogni paura e ogni accenno di speranza vengono accuditi come piccoli cuccioli da una folle entità. Uno scenario di sofferenza, quello in cui versa l’essere umano, chiamato a combattere eternamente con i propri demoni, con la consapevolezza che questa eterna lotta può essere sia fine di tutto che forza trainante.

“Questo album nasce da alcune necessità fondamentali. In primo luogo il desiderio pratico di avere un segno tangibile del consolidamento della line-up che si è concretizzato in un sound più maturo e personale. Lavorare su brani nuovi e pubblicarli è stato più che un progetto, una necessità fisiologica. Idearli e strutturarli in modo da portarli in una dimensione che fosse la migliore possibile. Abbiamo semplicemente lasciato che le idee ci colassero fuori” commenta la band. 

Un sound deciso e strutturato, uno stoner di montagna come lo definisce la band. Le sonorità de IL VILE si costruiscono attorno ad uno scheletro stoner arricchito dalle emozioni che la natura, le leggende, gli animali e gli stati d’animo dei luoghi di montagna suggeriscono. Uno stoner che si accosta a influenze dell’underground italiano degli anni Novanta, con sfumature che vanno dal punk all’hardcore, dal metal e al grunge. La band aggiunge: “Non ci sono 4 canzoni da poter etichettare in un genere musicale preconfezionato, ci sono 4 canzoni de IL VILE. Ognuna di queste canzoni porta a galla sfumature diverse di cui è composto il sound della band senza cercare conforto in alcuna definizione. Ognuna di queste canzoni è ciò che siamo, una creatura sonora”.

L’artwork dell’album è opera di Nathan Leoni con la collaborazione di Dario Romerio del “Fedeli alla linea tattoo” di Arona (NO). La copertina è ispirata ad una canzone contenuta nell’EP: “L’idea è nata durante il lavoro di arrangiamento del brano ‘Orso’,  abbiamo tutti convenuto che fosse il brano che, a livello sonoro,  rappresentasse maggiormente la storia di ognuno di noi…Un orso che morde un candelotto di dinamite…siamo noi!” commenta la band.

“ORSO” è stato registrato, mixato e masterizzato da Diego Cattaneo presso il “The House Of Groove” di Novara; la preproduzione e gli arrangiamenti sono a cura di Marco “Kiri” Chierichetti, la produzione vanta la collaborazione de IL VILEMarco “Kiri” Chierichetti Diego Cattaneo.

La musica è a cura de IL VILE, i testi sono di Enrico “Maio” Maiorca.  

Tracklist

  1. Solo gli amanti
  2. Orso
  3. Avvoltoio
  4. La foresta degli illucidi

 

IL VILE sono:
Enrico “Maio” Maiorca – voce, chitarra
Alessandro “Cuie” Cutrano – chitarra
Paolo “P” Castelletta – basso, cori
Nathan “Blitz” Leoni – batteria

BIOGRAFIA
IL VILE è un progetto nato nel 2006 in provincia di Verbania. La proposta è un mix di stoner-rock, grunge e mountain-metal con cantato in italiano. La band inizia presto l’attività live calcando i palchi di tutto il nord Italia e partecipando a diversi festival di spessore. A cavallo tra 2007 e 2008 IL VILE partecipa alla compilation “Make up not war” con il brano “LevitàBile” registrato con la produzione  artistica di Giorgio Veronesi (ex Crossbones). Nel 2010 esce per Alma Music il primo LP della band intitolato  “Insonne” e registrato al Sonic Home studio da Diego Cattaneo. Il disco porta il gruppo sul palco insieme a diverse band del  panorama underground italiano, a partecipare a  festival rock nel nord Italia e alla prima tournée estera. Nel 2014, dopo vari cambi di line-up, la band, in collaborazione  con l’etichetta torinese This Is Core pubblica “La tragedia del mediocre” ed il primo videoclip ufficiale “Funeral Girl”. Il disco contiene 6 tracce registrate in presa diretta. A distanza di 3 anni, nel 2017, Il Vile registra un nuovo EP  intitolato “Zero”. La produzione è affidata a FuzzWave Production  in collaborazione con Habanero Factory. Lo stesso anno firma per l’etichetta Volcano Records. La line-up del gruppo cambia nuovamente prima di nuove date europee che vedono la band in Francia. Nel 2020 la band torna in studio per registrare un nuovo EP dal titolo “Orso” in uscita via B District Music il prossimo 12 febbraio 2021.

VAILIXI – “JUPITER” – Il singolo da oggi in streaming e digital download!

Guarda il video ufficiale!

È da oggi disponibile in digital download e su tutte le piattaforme streamingJupiter“, il nuovo singolo dei VAILIXI. Rilasciato per la nuova etichetta discografica B District Music il brano è il secondo singolo estratto dal nuovo progetto discografico della band in uscita e segue a “Venus”, singolo pubblicato lo scorso settembre.   

Il video di “Jupiter” è disponibile a questo link.

Per streaming e digital download > https://Pirames.lnk.to/Jupiter

I barely remember why  

We chose to get so far 

Just need to know how small we are 

When Jupiter rises

 

Continua lo strambo e intrigante viaggio nello spazio dei VAILIXI in una nuova avventura magistralmente narrata da “Jupiter”. I nostri ragazzi indirizzano la loro rotta verso Giove, passaggio necessario per Beddy Il Camper: lo “spacevan”, non di ultimo modello e non in perfette condizioni, necessita di una spinta gravitazionale per permettere ai Vailixi di continuare il viaggio. D’altronde senza carburante e senza “spacegrill” aperti questa pare l’unica soluzione valida. Si tenta l’azzardo: la spinta è così tanto intensa da generare un’accelerazione quasi ingestibile… cosa accadrà adesso ai nostri eroi?  La spinta gravitazionale di Giove è stata usata nella realtà dalla NASA nel luglio del 1979 con Voyager 2, la sonda spaziale tutt’ora in attività che fu una delle prime esploratrici del sistema solare esterno. 

Lo stoner che si intreccia con rock puro per creare un sound che vi travolgerà con le sue linee coinvolgenti: “Jupiter” nasce dallo spirito creativo di Cristiano Tommasini (chitarre), Gianluca Bianco (vocals), Matteo Chiarini (batteria) e Andrea Veronesi (chitarre). 

I testi sono a cura di Gianluca Bianco (vocals), la musica di Cristiano Tommasini (chitarre). “Jupiter” è stato registrato, mixato e masterizzato presso di Gipsy Studio di Verona

Il videoclip vanta la regia di Andrea Moserle, è  registrato in Valpolicella ed è prodotto da Mose’s Production e Vailixi

Biografia

I VAILIXI nascono nel 2018 da un’idea di Cristiano Tommasini,  bassista e membro fondatore della metal core band “Sin Circus”. Alla ricerca di suoni più pesanti, Tommasini imbraccia la chitarra e sperimenta suoni nuovi. Nello stesso anno Gianluca Bianco (voci), Matteo Chiarini (batteria) e Andrea Veronesi (chitarre) entrano a far parte della band, definendo la line-up e dando una forma completa ai VAILIXI. Una formazione decisamente particolare visto che i due chitarristi sono, in realtà, due bassisti. La band prende il suo nome dalla mitologica macchina volante di Atlantide a forma di sigaro. Il sound dei VAILIXI è un mix di riff orecchiabili e melodie intriganti che viaggiano dallo stoner al metal, passando per l’alternative rock, con l’attitudine del groove anni Novanta. Dopo un anno, la band registra il suo primo lavoro in studio in uscita via B District Music. Il primo singolo “Venus” è uscito il 25 settembre 2020, il secondo “Jupiter” è uscito il 30 ottobre 2020.

 

I VAILIXI sono: 

Cristiano Tommasini – chitarre 

Gianluca Bianco – vocals 

Matteo Chiarini – batteria

Andrea Veronesi – chitarre

 

https://www.facebook.com/vailixiband

https://www.instagram.com/vailixi_band/

MAYSNOW – Il nuovo album “The Unexpected” in arrivo il 23 ottobre 2020

 

THE UNEXPECTED è il nuovo album dei MAYSNOW in uscita il prossimo venerdì 23 Ottobre 2020 per la nuova etichetta discografica B District Music, sezione 8.

Echoes Of Rain” e “Moving Mouth” sono i due singoli già estratti dal nuovo lavoro in studio della band salentina. Due brani estremamente potenti a livello emotivo che racchiudono in sè tutta la carica emozionale dell’album: un viaggio in una dimensione onirica travolgente e nostalgica dove il dolore, la malinconia, il congiungersi e lo scontrarsi di sentimenti e sensazioni, oscure e contrastanti, scoppiano nell’anima in un turbinio opprimente che ha bisogno di acquisire una forma ben definita. 

The Unexpected è l’album dedicato a Mimmo Angelini, il nostro caro Amico scomparso il 5 maggio 2014. I brani nascono proprio dal ricordo, che si confonde col sogno: il sogno che vorresti fosse realtà. “The Unexpected” è ciò che credevi non avresti mai affrontato, è il buio ad occhi aperti, all’improvviso”, spiega Daniele Rini, voce e fondatore della band, “L’album è denso di contrasti luce e ombra, dove il tema cupo della perdita ampiamente sviscerato nell’opera si contrappone a quello della nascita di nuova vita che apre squarci di chiarore nel sound. Questo contrasto è ben noto nei diversi momenti compositivi ampiamente distinguibili nella tracklist, dato che il lavoro di creazione dei brani ha impiegato alcuni anni. Nel corso del tempo, numerosi artisti si sono avvicendati nelle registrazioni dei pezzi, prima di arrivare negli ultimi 2 anni alla formazione stabile della band identificata con il sound più rock e graffiante”. 

THE UNEXPECTED attesta lo stile unico ed elaborato della band. Le coordinate stilistiche sono quelle del post-grunge, unito alle atmosfere dark del metal espresse in chiave acustica. Un sound travolgente e d’impatto, dove le chitarre acide e distorte si contrappongono a una linea strumentale elegante e pulita, magistralmente ricamata da strumenti classici quali pianoforte, violino e violoncello. Alcuni richiami a sonorità progressive rock rimarcano la finezza compositiva dell’album che mostra la sua evoluzione lungo i dieci brani che lo compongono, diventando a tratti fortemente melodica e ipnotica.

 

Dieci i brani che danno vita a THE UNEXPECTED :“Le prime bozze dei brani sono nate spontaneamente nel 2015, come un magico flusso per esorcizzare il dolore, per poi diventare, con il tempo, vere e proprie canzoni. La musica è divenuta una potente medicina per curare l’anima, ogni singola nota e parola sono legate in modo viscerale e indissolubile” commenta la band. 

 

Daniele Rini: “L’8 settembre del 2015 rividi Mimmo in sogno per la prima volta. Appuntai tutto su un taccuino, da lì sono nati alcuni testi, fra cui ‘White Marble’, ‘ Black Marble’ e ‘ Echoes Of Rain’. Anche la copertina dell’album prende spunto da quel sogno, incredibilmente realistico, colmo di mistero e simboli”

 

La copertina del disco è un disegno realizzato da Daniele Serra, illustratore di fama mondiale. I lavori di Serra sono stati inclusi in alcune opere di Stephen King e Ramsey Campbell. Serra ha inoltre lavorato con gli autori Clive Barker e Marcello Fois. Le sue opere sono state inoltre usati come set dressing per l’adattamento cinematografico del libro di Stephen King Cell (diretto da Tod Williams e con John Cusack e Samuel L. Jackson).

L’artista ha carpito perfettamente l’atmosfera dell’album, esprimendola attraverso immagini e simboli ripresi proprio da quel sogno che io ho fatto quell’8 settembre 2015” racconta Daniele Rini. 

 

I testi sono a cura di Daniele Rini, le musiche di ‘White Marble’, ‘The Circle of the Unexpected’, e ‘I Drift’ sono di Daniele Rini; le musiche di ‘Black Marble’, ‘Moving Mouth’ e ‘The Secret Door’ sono di Daniele Rini e Roberto Vergallo, quest’ultimo autore anche delle musiche di ‘Echoes of Rain’, ‘Orchid’, ‘Dawn of September’ e ‘Misty Morning’. A sostegno di Daniele Rini e Roberto Vergallo, Nicola Lezzi al basso e Antonio De Rubertis alle tastiere, che hanno impreziosito i brani con arrangiamenti e strutture elaborate e originali, elevando il livello qualitativo dei brani. 

 

Le prime registrazioni dell’album sono iniziate nel 2017 con i pezzi più acustici ed atmosferici dell’album, grazie anche alla collaborazione di diversi artisti. La registrazione è stata a cura di Ercole Buccolieri, mentre mixing e mastering sono di Angelo Buccolieri. Nella seconda metà del 2019 sono riprese le registrazioni di tutti i rimanenti pezzi elettrici. Le registrazioni si sono svolte in home studio e presso  4/4 Lab di Leverano, queste ultime a cura di Daniele D’Agostino, mentre  il mixing e mastering sono a cura di Angelo Buccolieri.

 

Tracklist 

  1. Black Marble (5:36)
  2. Echoes of Rain (6:36)
  3. I Drift (3:48)
  4. Orchid (6:31)
  5. Moving Mouth (7:08)
  6. The Circle of the Unexpected (3:44)
  7. The Secret Door (5:55)
  8. Dawn of September, Pt. 1 (1:57)
  9. Misty Morning (9:32)
  10. White Marble (4:47)

 

Biografia

Maysnow è un progetto musicale nato dall’idea di Daniele Rini (Ghost of Mary, Silvered) in ricordo dell’amico Mimmo Angelini. La forte sinergia artistica con il chitarrista Roberto Vergallo (ex-Silvered) ha reso fin da subito possibile l’ideazione di un percorso musicale preciso e ben definito. Nascono le prime canzoni che si snodano attorno al motivo cardine del ricordo. Le coordinate stilistiche sono quelle del grunge rock unite alle atmosfere dark-acustiche tipiche del metal nordico. Fin dall’inizio, il progetto ha vantato la partecipazione di numerosi musicisti. La presentazione ufficiale dei Maysnow è avvenuta nel novembre 2016. A questa hanno fatto seguito numerosi concerti in giro per l’Italia, in particolare nel Salento, in Basilicata, in Campania e in Piemonte. Nel giugno 2018 si definisce la formazione ufficiale della band: si uniscono alla formazione il bassista Nicola Lezzi (Ghost of Mary) e il pianista Antonio De Rubertis (IoPellegrino). Da aprile 2019 Damiano Rielli (Ghost of Mary, Letha) è il batterista della band in sede live. La band pubblica il video del primo singolo “White Marble” il 10 agosto 2017 in occasione del compleanno di Angelini, un chiaro omaggio alla sua memoria.  Nel 2019 i MAYSNOW vincono il contest “Va’ al Diavolo” organizzato da Collettivo SBAM, guadagnandosi un posto sul palco della manifestazione salentina “Sagra del Diavolo XIII” insieme ad altre importanti band nazionali ed internazionali. La band, vincendo le selezioni regionali, ha partecipato alla finale del contest nazionale “Sanremo Rock”, sul prestigioso palco dell’Ariston di Sanremo. I Maysnow sono in uscita con il loro primo album “The Unexpected” atteso per il prossimo 23 ottobre 2020 pubblicato via B District Music sezione 8. Due i singoli che hanno anticipato l’album: il primo singolo “Echoes of Rain” è uscito il 31 luglio, il secondo “Moving Mouth” uscito il 18 settembre, entrambi via B District Music sezione 8. 

 

I Maysnow sono: 

Daniele Rini – voce

Roberto Vergallo – chitarre 

Nicola Lezzi – basso 

Antonio De Rubertis – tastiere

 

WHATTAFUCK!? – “VOLEVO SOLO SUONARE” – Ora in streaming e digital download tramite B District Music!

VOLEVO SOLO SUONARE è il nuovo album dei WHATTAFUCK!? in uscita il prossimo venerdì 2 Ottobre 2020 per la nuova etichetta discografica B District Music, sezione 8.

Tre i singoli già estratti dal nuovo lavoro della band pugliese: “Passion Fruit”, letteralmente il frutto della passione, il risultato della perseveranza di chi vuole realizzare un sogno; in queste due parole i quattro ragazzi identificano tutti gli sforzi fatti per alimentare loro travolgente passione per la musica, rincorsa nonostante i mille ostacoli. Asakusa 2077”, che tesse le lodi al fantastico potere della musica di far viaggiare l’ascoltatore senza limiti e barriere e “Exosphere” un tortuoso viaggio che accompagna l’uomo nello spazio alla ricerca di se stesso. 

VOLEVO SOLO SUONARE è il capitolo conclusivo di un viaggio che i WHATTAFUCK!? hanno iniziato nel 2014 con la pubblicazione dell’EP “Who Framed Mr. Jinx!?”. Il titolo è volutamente sarcastico ed esprime genuinamente un’esigenza vitale, all’apparenza semplice, che una serie di sfortunati eventi hanno più e più volte messo a repentaglio.  Un concentrato di energia, tra riff e vocals graffianti, linee travolgenti e suoni sempre diversi, un crossover intrigante e coinvolgente: il nuovo album attesta lo stile unico della band. 

VOLEVO SOLO SUONARE raccoglie 15 brani, ognuno con la propria voce e la propria storia: 

Ogni brano dell’album ha il suo concept ed una sua precisa identità, in cui si incrociano storie, idee, suoni, generi e tematiche differenti. Il nostro è un sound 100% crossover! Sappiamo che ogni buon ascoltatore non si pone limiti, anzi ricerca la varietà. Perciò abbiamo provato a dare spazio alle nostre diverse idee e alle nostre fonti di ispirazione individuali, mettendole insieme, per creare un progetto unico” spiega la band. 

L’artwork dell’album è nato con l’idea di dar vita a una copertina di un fumetto, nel quale viene raccontato, brano dopo brano, l’ultimo episodio della saga che vede la band impegnata nell’eterna battaglia contro Mr.Jinx. “Qui i Whattafuck!? schierano in campo tutta la propria passione, gli sforzi, i sogni e le speranze che prendono la forma di raggi protonici e formano un unico “megascudo” per proteggere il pianeta contro le forze oscure del malvagio Mr.Jinx” racconta scherzosamente la band.

L’artwork è a cura di Tenchi. 

Testi e musica sono opera di Frak (voce), Nephil (chitarre), Tenchi (basso) e Jay (batteria)VOLEVO SOLO SUONARE è stato registrato, mixato e masterizzato da Marco Fischetti presso il Death Star Studio di Cassano delle Murge (Bari). 

 

 

Tracklist

1)  PussyFlora  

2)  Passion Fruit

3)  Maybe I’m Just Drunk 

4)  Whattafuck!? 

5)  Mr. Jinx 

6)  Asakusa 2077 

7)  Station 

8)  Exosphere  

9)  Conscious Infection 

10)  HPV 

11)  M.O.A.B. 

12)  [N3v3Я_L34ЯN] RMX [Prod. By Jeph Beats] 

13)  #SUPERMEGAFUNKYSLEAM feat. paCMan (Backjumper)

14)  Sorry 4 Tha Delay feat. DJ Shoddy  

15)  BroCast  

 

BIOGRAFIA

Whattafuck!? sono: 
Frak – Voce
Nephil – Chitarre
Tenchi – Basso
Jay – Batteria

Una carica di pura energia i Whattafuck!?, una band di ragazzi pugliesi a cui piace far festa e saltare sui palchi. Nati nel dicembre 2010, iniziano subito a suonare on the road portando la propria musica sui palchi pugliesi, e non solo. In pochi mesi si ritrovano dal vivo per tutta la penisola, condividendo la scena con band del calibro di Destrage, What A Funk, Devotion, Backjumper, What A Confusion. Partecipano a diversi festival tra cui Pegorock Festival, Rock & Metal Festival, Woodstock Acquaviva. 

Pubblicano il primo EP dal titolo “Who Framed Mr. Jinx!?” nel 2014, nome scelto non a caso. Infatti, è proprio Mr. Jinx a condizionare il destino della band: un’entità malvagia, che – come dichiara la band – “concentra in sé tutte le energie negative dell’universo, la quintessènza della sfiga, un essere spregevole il cui sadico obiettivo è perseguitarci e strisciare alle nostre spalle, per colpirci nei momenti più importanti”. Una lotta continua, quella con Mr.Jinx, sigillato nel precedente EP, non con pochi sforzi. Tanto che pare sia tornato più forte e cattivo di prima, pronto a perseguitare di nuovo i ragazzi.

Il nuovo episodio della saga prende quindi un titolo emblematico, sarcastico, attestazione dell’unico desiderio che accomuna i quattro: “Volevo Solo Suonare”. Un’esigenza semplice, ma vitale. Tra macchine in fiamme, lavori massacranti, strumenti danneggiati e pandemie planetarie, i Whattafuck!? sono ora pronti a tornare in scena, sempre fedeli all’antico Dojo che recita “Always Stay On The Grind”. “Volevo Solo Suonare” è in uscita il prossimo 2 ottobre 2020 via B District Music sezione 8.

VAILIXI – “VENUS” – Il singolo da oggi in streaming e digital download!

Guarda il video ufficiale dopo la première

su SpazioRock.it!

È disponibile da oggi in digital download e su tutte le piattaforme streamingVenus“, il nuovo singolo dei VAILIXI. Rilasciato per la nuova etichetta discografica B District Music sezione 8, il brano è il primo singolo estratto dal nuovo progetto discografico della band in uscita ad autunno.  

Il video di “Venus” è disponibile a questo link dopo la première su SpazioRock.it.

Per streaming e digital download > https://pirames.lnk.to/Venus

About rules and prohibitions

jumped on the space van

 we heading to Venus

Un viaggio in un futuro distopico e inquietante: “Venus” esplora i temi delicati della eugenetica e dipinge una realtà in cui, ai fini del miglioramento della specie, una selezione di ragazze, accomunate dall’avere un certo DNA e condizioni genetiche che soddisfano prescelti criteri di catalogazione, vengono rapite per ricercare e ricreare la combinazione perfetta. 

Un sound travolgente e intenso, fatto di riff graffianti e voci potenti: “Venus” è il risultato creativo della forte armonia tra Cristiano Tommasini (chitarre), Gianluca Bianco (vocals), Matteo Chiarini (batteria) e Andrea Veronesi (chitarre). 

I testi sono a cura di Gianluca Bianco (vocals), la musica di Cristiano Tommasini (chitarre). “Venus” è stato registrato, mixato e masterizzato presso di Gipsy Studio di Verona

Il videoclip vanta la regia di Andrea Moserla, è  registrato tra la Valpolicella e il Lago di Garda e prodotto da Mose’s Production e Vailixi. Il video introduce il viaggio intrapreso dalla band nel futuro distopico alla ricerca del Monte di Venere. Solo dopo il ritrovamento del telecomando che serve ad aprire il cancello dell’atmosfera, la band decide di salire a bordo di Beddy il Camper e partire verso l’ignoto…

Biografia

I VAILIXI nascono nel 2018 da un’idea di Cristiano Tommasini,  bassista e membro fondatore della metal core band “Sin Circus”. Alla ricerca di suoni più pesanti, Tommasini imbraccia la chitarra e sperimenta suoni nuovi. Nello stesso anno Gianluca Bianco (voci), Matteo Chiarini (batteria) e Andrea Veronesi (chitarre) entrano a far parte della band, definendo la line-up e dando una forma completa ai VAILIXI. Una formazione decisamente particolare visto che i due chitarristi sono, in realtà, due bassisti. La band prende il suo nome dalla mitologica macchina volante di Atlantide a forma di sigaro. Il sound dei VAILIXI è un mix di riff orecchiabili e melodie intriganti che viaggiano dallo stoner al metal, passando per l’alternative rock, con l’attitudine del groove anni Novanta. Dopo un anno, la band registra il suo primo lavoro in studio in uscita via B District Music sezione 8. Il primo singolo “Venus” è uscito il 25 settembre 2020. 

I VAILIXI sono: 

Cristiano Tommasini – chitarre 

Gianluca Bianco – vocals 

Matteo Chiarini – batteria

Andrea Veronesi – chitarre

WHATTAFUCK!? – “Exosphere” – Il nuovo singolo da oggi in streaming e digital download

Il nuovo singolo da oggi in streaming e digital download
https://pirames.lnk.to/Exosphere

È disponibile da oggi in digital download e su tutte le piattaforme streaming, Exosphere”, il nuovo singolo dei Whattafuck!? rilasciato per la nuova etichetta discografica B District Music, sezione 8. Dopo “Passion Fruit” e “Asakusa 2077”, “Exosphere” è il terzo singolo estratto dal nuovo album in uscita ad autunno.


Digital download e streaming > https://pirames.lnk.to/Exosphere

“Saved by flux of consciousness

Now I’m floating weightlessness

Lonely out in space

I can feel the universe…”
 

Exosphere” è un tortuoso viaggio tra le stelle più remote, nello spazio extraterrestre più intricato e sconosciuto. “Chissà se esiste vita oltre la Terra…” è la domanda che si pone l’essere umano nel suo profondo egoismo terrestre.

Protagonista di questa storia è Samantha che, per cause sventurate e in maniera fortuita, si ritrova di fronte a una scoperta: una nuova forma di conoscenza, più profonda e consistente. Samantha è l’emblema dell’essere umano, sempre più ingordo di sapere e ossessionato dal concetto di scoperta al fine di strumentalizzarla unicamente a scopi materiali. Un essere umano miope e ingenuo, che non ha ancora realizzato il suo bisogno più intrinseco e vero, quello di cimentarsi nella scoperta di sè stesso…

Un sound coinvolgente, arricchito dalla strumentale piena di synth e reverberi “spaziali”,

“Exosphere” è il risultato creativo della forte armonia tra Frak (voce), Nephil (chitarre), Tenchi (basso) e Jay (batteria).
Exosphere” è stato registrato, mixato e masterizzato da Marco Fischetti presso i Death Star Studio di Cassano delle Murge (Bari).


Whattafuck!? sono:
Frak – Voce
Nephil – Chitarre
Tenchi – Basso
Jay – Batteria


BIOGRAFIA
Una carica di pura energia i Whattafuck!?, una band di ragazzi pugliesi a cui piace far festa e saltare sui palchi. Nati nel dicembre 2010, iniziano subito a suonare on the road portando la propria musica sui palchi pugliesi, e non solo. In pochi mesi si ritrovano dal vivo per tutta la penisola, condividendo la scena con band del calibro di Destrage, What A Funk, Devotion, Backjumper, What A Confusion. Partecipano a diversi festival tra cui Pegorock Festival, Rock & Metal Festival, Woodstock Acquaviva.

Pubblicano il primo EP dal titolo “Who Framed Mr. Jinx!?” nel 2014, nome scelto non a caso. Infatti, è proprio Mr. Jinx a condizionare il destino della band: un’entità malvagia, che – come dichiara la band – “concentra in sé tutte le energie negative dell’universo, la quintessènza della sfiga, un essere spregevole il cui sadico obiettivo è perseguitarci e strisciare alle nostre spalle, per colpirci nei momenti più importanti”. Una lotta continua, quella con Mr.Jinx, sigillato nel precedente EP, non con pochi sforzi. Tanto che pare sia tornato più forte e cattivo di prima, pronto a perseguitare di nuovo i ragazzi.

Il nuovo episodio della saga prende quindi un titolo emblematico, sarcastico, attestazione dell’unico desiderio che accomuna i quattro: “Volevo Solo Suonare”. Un’esigenza semplice, ma vitale. Tra macchine in fiamme, lavori massacranti, strumenti danneggiati e pandemie planetarie, i Whattafuck!? sono ora pronti a tornare in scena, sempre fedeli all’antico Dojo che recita “Always Stay On The Grind”.

VAILIXI – NEW SIGN E PRE-SAVE

La stoner band

V Ʌ I L I X I

entra a far parte da oggi della famiglia B District Music, pronta per il debutto del nuovo singolo ‘Venus‘, in uscita come streaming e digital download questo venerdì 25 Settembre 👀

Clicca qui per effettuare il pre-save della traccia ORA ➡️ https://show.co/G9HQPW9

Biografia

I VAILIXI nascono nel 2018 da un’idea di Cristiano Tommasini,  bassista e membro fondatore della metal core band “Sin Circus”. Alla ricerca di suoni più pesanti, Tommasini imbraccia la chitarra e sperimenta suoni nuovi. Nello stesso anno Gianluca Bianco (voci), Matteo Chiarini (batteria) e Andrea Veronesi (chitarre) entrano a far parte della band, definendo la line-up e dando una forma completa ai VAILIXI. Una formazione decisamente particolare visto che i due chitarristi sono, in realtà, due bassisti. La band prende il suo nome dalla mitologica macchina volante di Atlantide a forma di sigaro. Il sound dei VAILIXI è un mix di riff orecchiabili e melodie intriganti che viaggiano dallo stoner al metal, passando per l’alternative rock, con l’attitudine del groove anni Novanta. Dopo un anno, la band registra il suo primo lavoro in studio in uscita via B District Music sezione 8. Il primo singolo “Venus” è uscito il 25 settembre 2020. 

I VAILIXI sono: 

Cristiano Tommasini – chitarre 

Gianluca Bianco – vocals 

Matteo Chiarini – batteria

Andrea Veronesi – chitarre

SHIVERS ADDICTION – “ARTIFICIAL PARADISE” – da oggi disponibile il nuovo album

Il nuovo album da oggi in streaming e digital download!

Gli SHIVERS ADDICTION pubblicano oggi via B District Music sezione 8 il nuovo album “Artificial Paradise”. 

Artificial Paradise” è disponibile in streaming e digital download a questo link > https://Pirames.lnk.to/ArtificialParadise

Un sound potente e deciso, decisamente elaborato, un cross-over che affascina l’ascoltatore, tra sfumature progressive e heavy metal. “Artificial Paradise” è il secondo album in studio della band milanese. Il concept dell’album è ben rappresentato dall’artwork che lo accompagna: la contrastante dualità tra bianco e nero emblema delle contraddizioni tipiche del nostro tempo e della nostra società. 

Artificial Paradise” ci presenta un mondo sempre meno vero e onesto, profondamente condizionato dalla potenza dei media e dell’ipocrisia dell’essere umano. Un mondo in costante sfruttamento da parte di un uomo che si erge a padrone dello stesso, che crea giochi di potere in cui il ricco soverchia il povero, il cui regna la noncuranza per il futuro. 

Artificial Paradise” è il risultato creativo della forte armonia tra Davide Prestigiacomo (vocals), Marco Panizzo e Gino Pecoraro (chitarre), Tony Colella (basso) e Angelo De Polignol (batteria). 

Artificial Paradise” è stato registrato, mixato e masterizzato al Bios Studio di Solaro (Milano) da Luca Liviero. La musica e i testi sono a cura di Marco Panizzo e Gino Pecoraro

Di seguito tracklist e artwork di “Artificial Paradise”: 

  1. Remote Control
  2. Eve
  3. Artificial Paradise
  4. Chicago
  5. This Song has no lyrics
  6. Nobody’s land
  7. Monologue of a Soldier
  8. Warmachines
  9. Forsaken Son
  10. Chain Reaction
  11. Lost but Alive 
  12. Requiem for missings


Biografia

Gli SHIVERS ADDICTION nascono nel 2004 da un’iniziativa di Marco Panizzo e Angelo “Depo” De Polignol, rispettivamente chitarrista compositore e batterista dei Fatamalata. Nel 2005 entra a far parte del gruppo Fabio Cova (basso) e, dopo la realizzazione del primo demo “Shivers Addiction” e altri cambi di formazione, anche Gino Pecoraro (cantante e chitarrista dello storico gruppo thrash siciliano Nuclear Simphony) si unisce alla formazione insieme alla cantante Olga Pezzali. Con questa line-up viene registrato nel 2011 “Nobody’s land”, album autoprodotto di 12 pezzi che delinea il nuovo stile del gruppo, dall’impronta più metal, con influenze che spaziano dall’hard rock al progressive, dal folk al thrash. Nel 2013 Olga Pezzali lascia il gruppo, e viene sostituita da Marco Cantoni, già cantante dei Cyrax. Nel 2015 con questa formazione esce “Choose your Prison” per la Revalve Records. Nel 2016 Fabio Cova viene sostituito al basso da Tony Colella. Nel 2017 Marco Cantoni lascia la band; al suo posto arriva Davide Prestigiacomo (ex Horcus) con il quale il gruppo inizia a lavorare alla composizione e registrazione del nuovo full-length. Concluse le registrazioni nel 2019, “Artificial Paradise” esce il 18 settembre 2020 via B District Music sezione 8.  

Gli SHIVERS ADDICTION sono: 

Davide Prestigiacomo – vocals

Marco Panizzo – guitar

Gino Pecoraro – guitar & guitar synth

Tony Colella – bass guitar

Angelo De Polignol – drums

MAYSNOW – “Moving Mouth” – Il nuovo singolo da oggi in streaming e digital download

 

Il singolo da oggi in streaming e digital download!
Guarda il video ufficiale!

È disponibile da oggi in digital download e su tutte le piattaforme streamingMoving Mouth“, il nuovo singolo dei Maysnow. Rilasciato per la nuova etichetta discografica B District Music sezione 8, il brano è il secondo singolo estratto dal nuovo progetto discografico della band salentina in uscita in autunno, dopo “Echoes of Rain”. 

Il video ufficiale di “Moving Mouth” è disponibile a questo link. 

Per streaming e digital download > https://pirames.lnk.to/MovingMouth

 

Dive into the black

twist and turn

are we dying?

dive into the black

freezing cold

wheel of death

winter is on my side

 

Moving Mouth” raccoglie in sè tutta la carica emozionale del nuovo album in studio dei Maysnow: il congiungersi e lo scontrarsi di sentimenti e sensazioni oscure, malinconiche e travolgenti, decisamente umane, che hanno bisogno di concretizzarsi in una forma precisa e definita.

Parte tutto dal dolore e dalla perdita, per poi sfociare nel buio dell’anima, quando i sogni e i ricordi si uniscono. Se fosse una tela sarebbe tutta dipinta di nero con alcune pennellate di blu e squarci che fanno intravedere qualche bagliore di luce” (Daniele Rini) 

Un sound importante e magistralmente ricamato ad accompagnare l’ascoltatore in una dimensione profonda e totalizzante. La struttura del brano è saggiamente costruita a rimarcare due estensioni: una fortemente riflessiva, con la predominanza educata e delicata del piano e della voce, una decisamente più impattante, che si concretizza in una miscela di post-grunge e metal melodico travolgente e, a tratti, quasi ipnotico. 

Moving Mouth” è stata registrata in home studio e presso 4/4 Lab di Leverano (Lecce), mixata e masterizzata da Angelo Buccolieri a Tenerife (Spagna). I testi sono stati scritti da Daniele Rini (voce), la musica è di Roberto Vergallo (chitarre) e Daniele Rini (voce). Il brano vanta Nicola Lezzi al basso, Antonio De Rubertis al piano/synth e Luigi Luperto alla batteria. La copertina del singolo è di Alfredo Rizzo (AR Production). 

Il videoclip di “Moving Mouth”, girato presso Manifatture Knos (Lecce), vede la regia di Alfredo Rizzo (AR Production) e l’aiuto regia di Luca Nicolì. La sceneggiatura è a cura di Daniele Rini, il montaggio è di Daniele Rini e Alfredo Rizzo. Tantissimi gli artisti e i professionisti che hanno collaborato al video: Letizia Rizzelli (trucco), Damiano Rielli (batteria), Luca Nicolì (presentatore), Eclips Acrobatic Show (Ilaria Fedele e Davide Siringo, sputafuoco e anelli), Tournesol Circus (Teresa D’ippolito e Maria Mellone, tessuto e cerchio), Fatima Licignano (mimo), Dylan Marino (birilli), Letizia Rizzelli (clown1), Marica D’Amico (clown2), Gabriella Esposito (foto backstage). 

Tutti gli artisti che ruotano intorno alla band rappresentano ognuno uno stato d’animo diverso, il presentatore è il loro legante, la figura che connette l’ io interiore con le emozioni”, spiega il cantante Daniele Rini.

 

Biografia

Maysnow è un progetto musicale nato dall’idea di Daniele Rini (Ghost of Mary, Silvered) in ricordo dell’amico Mimmo Angelini. La forte sinergia artistica con il chitarrista Roberto Vergallo (ex-Silvered) ha reso fin da subito possibile l’ideazione di un percorso musicale preciso e ben definito. Nascono le prime canzoni che si snodano attorno al motivo cardine del ricordo. Le coordinate stilistiche sono quelle del grunge rock unite alle atmosfere dark-acustiche tipiche del metal nordico. Fin dall’inizio, il progetto ha vantato la partecipazione di numerosi musicisti. La presentazione ufficiale dei Maysnow è avvenuta nel novembre 2016. A questa hanno fatto seguito numerosi concerti in giro per l’Italia, in particolare nel Salento, in Basilicata, in Campania e in Piemonte. Nel giugno 2018 si definisce la formazione ufficiale della band: si uniscono alla formazione il bassista Nicola Lezzi (Ghost of Mary) e il pianista Antonio De Rubertis (IoPellegrino). Da aprile 2019 Damiano Rielli (Ghost of Mary, Letha) è il batterista della band in sede live. La band pubblica il video del primo singolo “White Marble” il 10 agosto 2017 in occasione del compleanno di Angelini, un chiaro omaggio alla sua memoria.  Nel 2019 i MAYSNOW vincono il contest “Va’ al Diavolo” organizzato da Collettivo SBAM, guadagnandosi un posto sul palco della manifestazione salentina “Sagra del Diavolo XIII” insieme ad altre importanti band nazionali ed internazionali. Attualmente i Maysnow sono a lavoro sull’uscita del primo album della band: il primo singolo “Echoes of Rain” è uscito il 31 luglio, il secondo “Moving Mouth” esce il 18 settembre, entrambi via B District Music sezione 8.  La band, vincendo le selezioni regionali, ha partecipato alla finale del contest nazionale “Sanremo Rock”, sul prestigioso palco dell’Ariston di Sanremo. 

 

I Maysnow sono: 

Daniele Rini – voce

Roberto Vergallo – chitarre 

Nicola Lezzi – basso 

Antonio De Rubertis – tastiere